Catania, 17enne contagiato era stato in discoteca: si teme nuovo focolaio

2 mesi fa
7 Agosto 2020
di redazione

Catania, 17enne contagiato era stato in discoteca: si teme focolaio. Un ragazzo di 17 anni è risultato positivo al coronavirus in Catania. Il giovane era stato in discoteca, in una serata dove erano presenti oltre mille persone. In città adesso c’è il timore di un maxi contagio.

Giovane 17enne contagiato: anche il padre è risultato positivo

Il 17enne si è sottoposto al tampone dopo alcuni sintomi riconducibili al Covid-19. Il test ha dato risultato positivo. La notizia preoccupa le autorità sanitarie, dato che il ragazzo è stato a stretto contatto con molti altri coetanei.

Il giovane, infatti, ha preso parte ad una festa in discoteca dove erano presenti più di mille persone. Nel frattempo c’è già un nuovo contagio: il padre del ragazzo è infatti risultato positivo al coronavirus. Quest’ultimo sta bene ed è asintomatico.

La discoteca dove si è tenuta la festa è la Plaia di Catania, in via Kennedy. Si tratta di uno dei locali più noti della movida catanese. Adesso toccherà ai sanitari mettersi all’opera per cercare altri eventuali contagi.

Catania, si teme nuovo focolaio dopo la festa

A far scattare il panico è stato un altro giovane, tramite un messaggio audio su WhatsApp, dove allertava del pericolo tutti i partecipanti della festa. Nel messaggio sottolineava il fatto che al party avessero partecipato più di 1700 persone. Messaggio che ha fatto il giro del web.

Nel frattempo la discoteca, nel pomeriggio di ieri 6 agosto, aveva pubblicato un post su Facebook, poi cancellato. Il messaggio sottolineava come il locale ha sempre rispettato le norme anti-covid e che non era previsto nessun intervento medico.

Nel post veniva poi aggiunto che la discoteca sarebbe rimasta aperta, scatenando molte critiche negative. Forse proprio questa parte del messaggio ha portato i gestori della pagina Facebook a cancellare il tutto poco dopo.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube e su Google News.

temi di questo post