Nuovi focolai di coronavirus a Lucca: sindaco chiude il comune

3 mesi fa
3 Agosto 2020
di redazione

Nuovi focolai di coronavirus a Lucca. Due nuovi piccoli focolai di coronavirus sono emersi ieri a Porcari, provincia di Lucca. A risultare positivi al Covid-19 sono stati anche un consigliere comunale e la moglie. Il sindaco ha deciso di chiudere per l’intera giornata di oggi il Comune per sanificare la struttura

Nuovi focolai di coronavirus a Lucca: il sindaco risulta negativo

L’esito dei test per entrambi i nuovi focolai è sono arrivati in tarda serata. Questo è uno dei motivi che ha spinto il sindaco di Porcari a chiudere le porte del Comune per l’intera giornata di oggi. La scelta è stata necessaria anche per permettere la sanificazione completa della struttura, visto che uno dei cluster riguarda un consigliere comunale di 39 anni e sua moglie. Il secondo invece ha coinvolto la famiglia di un 74enne, già ricoverato al S. Luca, ed una donna che frequentava la casa.

Anche il sindaco di Porcari, Leonardo Fornaciari, si è sottoposto al tampone, risultando negativo. In tutto sono cinque i nuovi casi emersi nella giornata di ieri. Un aumento che ha richiesto la massima cautela. Nella serata di ieri è stato anche annullato l’evento di chiusura dell’Estate porcarese proprio per evitare altri contagi. Nel frattempo l’Asl ha eseguito altri tamponi a tutti coloro che sono entrati in contatto con i nuovi positivi. Ma bisognerà aspettare ancora un paio di ore per conoscere i risultati.

L’Asl ha anche aggiunto che è stato attivato, come succede spesso in questi casi, il il gruppo di sorveglianza integrato costituito dall’Asl Toscana nord ovest in tutte le zone. Si tratta di un gruppo multidisciplinare il cui scopo è quello di intervenire tempestivamente in caso di nuovi contagi.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube e su Google News.

temi di questo post