In Spagna il coronavirus fa di nuovo paura: quadruplicati i casi gravi

4 mesi fa
10 Agosto 2020
di redazione herald

Coronavirus Spagna: quadruplicati i casi gravi. Il coronavirus fa di nuovo molta paura in Spagna. A preoccupare è l’allarme delle autorità sanitarie che registrano una ripresa sensibile del numero dei ricoveri all’interno delle strutture ospedaliere.

Secondo i dati diffusi dal ministero della salute iberico, i ricoveri per coronavirus in Spagna sono quadruplicati nel corso dell’ultimo mese. Attualmente, i centri sanitari sono nuovamente in affanno con ben 580 focolai in tutto il Paese.

Nella Penisola Iberica è il momento più difficile dall’inizio dell’estate

A prescindere che si tratta di una seconda ondata o del continuo della prima, la Spagna sta vivendo il momento più difficile dall’inizio dell’estate. La catena infettiva, come riferisce anche El Pais, è ancora molto infettiva.

Tra le zone in cui i nuovi contagi sono più diffusi c’è l’Aragona, la comunità autonoma del nord-est della Spagna che conta circa un milione e quattrocentomila abitanti. Rispetto alla prima settimana di luglio, il tasso di contagio si è moltiplicato per otto.

Dai 10 casi per 100 abitanti del 7 luglio, il ministero della salute ha registrato ben 79,8 casi su 100 nella giornata di venerdì 7 agosto. Una situazione che preoccupa non poco le autorità governative, che iniziano a pensare ad altri provvedimenti per frenare questa ascesa.

Coronavirus Spagna: in forte aumento i casi gravi da ricovero

A preoccupare la Spagna è anche l’aumento dei casi gravi, cioè quelli per i quali è richiesto il ricovero in una struttura ospedaliera. All’inizio di luglio, i ricoverati da 7 giorni erano 150. Adesso se ne contano circa 650.

Nella giornata di venerdì scorso, i casi gravi erano 677: quattro volte tanto quelli dei primi di luglio. Le strutture sanitarie già temono il peggio e si stanno preparando per affrontare situazioni al limite.

Diversi nuovi reparti Covid sono stati riaperti. Molti medici e infermieri sono stati richiamati dalle vacanze: il timore di tutti è che la situazione sfugga nuovamente di mano. Una secondo volta, però, sarebbe difficilmente giustificabile.

Tra gli ospedali maggiormente affollati, come conseguenza del notevole aumento di casi, ci sono quelli dell’Aragona. Nella regione di Saragozza, attualmente, ci sono 514 posti occupati da pazienti affetti da coronavirus. Di questi, 44 sono in terapia intensiva.

Il sovraffollamento e le misure di aiuto alla popolazione

Un’altra grande preoccupazione del governo è il sovraffollamento della movida nei luoghi del turismo. La Spagna, come noto, è la patria di luoghi del divertimento estivo come Ibiza, le Canarie, Lloret de Mar e Benidorm.

Nella giornata di ieri, intanto, anche due calciatori dell’Atletico Madrid sono risultati positivi al Covid-19. Questo potrebbe provocare ulteriori disagi per le fasi finali della Champions League in Portogallo.

Il governo spagnolo sta lavorando a una nuova serie di sostegni alle famiglie in difficoltà nel Paese. Un nuovo sussidio di circa 430 euro al mese sta per essere varato per 550 mila disoccupati che hanno esaurito il diritto ad altri aiuti.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube e su Google News.