Google ed Apple rimuovono Fortnite dagli store ed Epic Games gli fa causa

4 mesi fa
14 Agosto 2020
di redazione

Fortnite rimosso dagli store Apple e Google, Epic Games gli fa causa. Sia Apple che Google hanno deciso di rimuovere Fortnite dai loro store per smartphone. Ma Epic Games non ci sta, e parte all’attacco facendo causa ad entrambi i colossi tecnologici.

Epic Games e la causa a Google ed Apple: i motivi della rimozione di Fortnite

Come un fulmine a ciel sereno, ieri sia Google che Apple hanno rimosso dai loro store per smartphone Fortnite. Si tratta di uno dei videogiochi più conosciuti al mondo ma, ovviamente, dietro questa scelta c’è un motivo ben preciso.

E tutto è dovuto ad una scelta di Epic Games, società che ha sviluppato e pubblica il gioco. Fortnite, come molti altri prodotti videoludici, offre acquisti in-app. In sintesi, nonostante il prodotto si possa scaricare gratuitamente, i giocatori possono acquistare vari oggetti utilizzando soldi reali.

Ed è proprio questo sistema di acquisti in-app ad aver causato questo strappo. Sia Apple che Google hanno dei sistemi proprietari per gestire questi acquisti, che trattengono però fino al 30% della somma.

E, per sviare questa quota molto elevata, Epic Games aveva avuto un’idea. Ovvero, inserire in Fortnite un suo sistema di pagamento per gli acquisti in-game. Un alternativa che offriva anche degli sconti rispetto alla concorrenza.

Peccato che questa scelta non abbia fatto felice né Apple e nemmeno Google. Ed entrambi i colossi hanno rimosso Fortnite proprio ieri. Una scelta che ha provocato una reazione da parte di Epic Games, che ha annunciato una causa nei confronti di entrambe le società.

I motivi della causa

Epic Games ha spiegato i motivi che l’hanno spinta a fare causa a Google ed Apple. Stando a quanto dichiarato, la compagnia vuole creare una battaglia legale per mettere in discussione un sistema che limita la concorrenza degli sviluppatori  e danneggia gli utenti.

Ma anche i due colossi fanno valere le loro ragioni. Apple ribadisce che Epic Games era a conoscenza del funzionamento degli acquisti in-app su sistemi iOS. Aggiungendo che chi aderisce ai termini, dispone anche di determinati vantaggi.

Epic Games ha però replicato come ci siano delle eccezioni a questa regola. La società ha citato l’app di Amazon, in questo caso non è presente la famosa tassa del 30%. Il sistema era effettivamente già noto alla compagnia che produce Fortnite, perché proprio per questo motivo per molto tempo aveva deciso di non pubblicare il gioco sugli store di Google ed Apple.

Il potere di Fortnite

Nonostante le ragioni di Google ed Apple, quella di rimuovere Fortnite dagli store è una scelta quantomeno coraggiosa. Parliamo di un prodotto che smuove parecchi soldi e che gode di una grandissima popolarità.

I giocatori potrebbero non vedere di buon occhio questa decisione. Ma, soprattutto, entrambe le compagnie potrebbero vedere andare in fumo un enorme profitto. A questo punto sarà curioso vedere se Epic Games riuscirà a trovare un accordo con Google ed Apple ed evitare questa battaglia legale.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube e su Google News.

temi di questo post