De Luca: test obbligatorio per chi viene dall’estero e mini zona rossa dopo focolaio alla Sonrisa

4 mesi fa
12 Agosto 2020
di redazione herald

De Luca, test obbligatorio per chi viene dall’estero. Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato questa sera l’ordinanza n. 67. L’ordinanza sancisce il test sierologico obbligatorio per chi rientra da viaggi all’estero.

De Luca ha disposto, inoltre, una mini zona rossa nel comune di Sant’Antonio Abate, nella città metropolitana di Napoli. La decisione è stata presa dopo un focolaio di 27 casi scoppiato all’interno del ristorante La Sonrisa.

“Con decorrenza immediata: è disposta, fino al 25 agosto 2020, la chiusura delle strutture ricettive La Sonrisa e Hotel Villa Palmentiello”. Le strutture hanno l’obbligo di “disinfezione e sanificazione di tutti i locali prima della riapertura”, si legge nell’ordinanza.

De Luca: obbligo test sierologico per chi rientra in Campania dall’estero

Il Presidente Vincenzo De Luca ha poi disposto l’obbligo del test sierologico per i campani che rientrano dall’estero. L’ordinanza n. 67 prevede che l’obbligo è disposto “fatte salve tutte le disposizioni nazionali e regionali già vigenti in tema di rientri dai Paesi extra Schengen e da quelli individuati, dai competenti organi statali, come a maggior rischio”.

L’obbligo si rivolge “a tutti i cittadini residenti nella regione Campania che – fino al 31 agosto 2020 – facciano rientro da vacanze dall’estero”. Il rientro riguarda le “tratte dirette o attraverso scali o soste intermedie nel territorio nazionale”.

L’ordinanza prevede “l’obbligo di segnalarsi entro 24 ore dal rientro al competente Dipartimento di prevenzione della ASL”. Tutto ciò “al fine della somministrazione di test sierologici e/o tamponi e del monitoraggio della relativa situazione epidemiologica”.

Focolaio Sonrisa, Mini Zona Rossa a Sant’Antonio Abate

L’ordinanza ha poi disposto ulteriori obblighi per i cittadini di Sant’Antonio Abate della mini zona rossa. “Ai cittadini aventi residenza, domicilio o dimora nella via Croce di Gragnano nel territorio di Sant’Antonio Abate – si legge ancora nell’ordinanza – è fatto obbligo di isolamento domiciliare, con divieto di allontanamento dalle dette abitazioni fino al 14 agosto 2020.”

“Ai cittadini indicati è consentito accedere alla propria residenza, domicilio o dimora sita nella menzionata strada, con obbligo di rimanervi in regime di isolamento domiciliare e di sottoporsi a tutti i controlli sanitari disposti dalla Asl competente”.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube e su Google News.

L’ordinanza n. 67 della Regione Campania

“E’ fatta salva – continua l’ordinanza – la possibilità di transito in ingresso e in uscita dalla strada indicata da parte degli operatori sanitari e socio-sanitari, del personale impegnato nei controlli e nell’attività di assistenza”.

Tutto ciò, “limitatamente alle presenze che risultino necessarie allo svolgimento di dette attività e a quelle di pulizia e sanificazione dei locali e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale”.

“La Asl competente assicura la sollecita esecuzione dei test sierologici e/o tamponi diagnostici a tutta la popolazione del Comune di Sant’Antonio Abate. Ai soggetti, residenti nella regione Campania, che abbiano partecipato, negli ultimi 14 giorni, a feste ed eventi presso le strutture ricettive indicate “è fatto obbligo di isolamento domiciliare fiduciario fino al compimento di 14 giorni dalla data dell’evento.”