A Mondragone la comunità cinese dona 3000 mascherine alla città

9 mesi fa
14 Marzo 2020
di salvatore di rienzo

La Cina aiuta ancora l’Italia. Questo accade non solo a livello nazionale, ma anche con episodi di grande solidarietà sul territorio. “Due commercianti cinesi, Weng Neili e Lin Yinchun – spiega il consigliere regionale della Campania Giovanni Zannini – mi hanno messo a disposizione 3000 mascherine. Un bel gesto di solidarietà da parte di due cittadini cinesi, che voglio pubblicamente ringraziare”. È successo a Mondragone, sul Litorale Domizio, dove pochi giorni fa anche una nota pasticceria ha annunciato la produzione di mascherine gratuite.

Il gesto di Pasticceria Lisita in campania: doniamo mascherine per chi ne ha bisogno

Anche il sindaco ringrazia gli imprenditori cinesi

Nel video diffuso dal consigliere regionale, anche il Sindaco della cittadina campana Virgilio Pacifico. “Grazie agli amici cinesi da parte della nostra cittadina – ha commentato il sindaco -. Ribadisco l’appello per i miei concittadini: rimanete a casa, usciamo soltanto per le vere necessità. L’unico modo per fermare il virus è evitare i contatti tra persone.”

Il consigliere regionale Zannini spiega: 3000 mascherine a chi lavora per la comunità

“Loro mettono a disposizione circa 3000 mascherine protettive per affrontare l’emergenza. Un regalo, un atto di solidarietà importante, che prendiamo in consegna e distribuiremo nelle mani della Protezione Civili, delle forze dell’ordine, della Caritas, degli operatori ecologici. Insomma, di tutti coloro i quali sono costretti a lavorare per assicurare la prosecuzione dei servizi indispensabili.” A spiegarlo è il consigliere regionale Giovanni Zannini, alla presenza degli imprenditori cinesi, del cittadino Aldo Santamaria (che ha fatto da ponte con le istituzioni) e del sindaco di Mondragone Pacifico.  “Mi aspetto in questi giorni una gara di solidarietà – ha continuato Zannini -. L’esempio dei due imprenditori cinesi è davvero ammirevole.”

“Marco”, l’imprenditore cinese che si sente italiano

Uno dei due imprenditori, da tutti chiamato “Marco” in città, insieme al fratello “Emanuele”, ha spiegato: “Per noi l’Italia è la seconda casa. Passiamo in Italia più tempo che in Cine e faremo il possibile per tutti gli italiani.” Un gesto di grande generosità che manifesta come la comunità cinese si senta legata all’Italia e agli italiani. Accade non più tardi di un giorno fa, quando un aereo proveniente dalla Cina è atterrato a Fiumicino con personale medico specializzato anti-Covid-19 e dotazioni sanitarie importantissime.

La Cina aiuta l’Italia: atterrato a Roma l’aereo con medici specialisti e aiuti.