Stato emergenza Covid: non finirà a luglio, in arrivo la proroga del governo

4 settimane fa
10 Luglio 2020
di redazione

Stato emergenza covid prorogato. Giuseppe Conte sarebbe pronto a prorogare lo stato di emergenza legato al coronavirus. Il provvedimento, come noto, che doveva invece terminare il 31 luglio 2020. Attraverso questa nuova estensione, lo stato d’emergenza dovrebbe invece durare fino al 31 dicembre.

Stato emergenza covid: il pericolo viene dall’estero

A quanto pare è il resto del mondo a preoccupare il premier. Molti Paesi, infatti, si trovano nella fase più grave dell’emergenza. Una fase che il nostro Paese sembra aver superato già da qualche mese. Questa situazione che potrebbe rendere necessarie nuove regole. Il rischio più grande per l’Italia, infatti, è quello di importare il virus da dove è più forte.

Dopotutto, con lo stato di emergenza il governo può emanare nuovi Dcpm. A quanto pare anche altri spingono per questa proroga. Nello specifico, dal Comitato tecnico scientifico e dal Ministero della Salute. Ma c’è anche un altro motivo di preoccupazione che sembra essere centrale per questa estensione. Ovvero la temuta seconda ondata di coronavirus che per qualcuno potrebbe arrivare in autunno.

Il ruolo della Protezione civile

Lo stato di emergenza conferisce un ruolo importante alla Protezione civile. Questo gli italiani lo hanno notato durante le varie fasi della pandemia. In autunno il ruolo della Protezione civile potrebbe diventare fondamentale. Specie per quanto riguarda le riaperture delle scuole. A tal proposito, saranno necessarie anche norme da applicare velocemente per la riapertura degli istituti. Provvedimenti che dovranno essere applicati rapidamente.

Lo stato di emergenza, in tal senso, sembra lo strumento più adatto per garantire il giusto margine di manovra per il governo. Senza si rischierebbe di paralizzare gli interventi. In ogni caso, bisogna sottolineare come anche altri Paesi hanno seguito questa linea. Anche la Spagna, ad esempio. ha prorogato lo stato di emergenza.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube