Femminicidio a Foggia: marito uccide moglie con 5 colpi di pistola

5 mesi fa
6 Luglio 2020
di redazione

Femminicidio a Foggia. La giornata di domenica pomeriggio ha segnato la tragica fine della vita di Nunzia Compierchio. La donna è stata colpita da 5 proiettili calibro 3.80 sparati da una pistola a salve. Al momento il marito della donna è accusato di questo efferato delitto. Raggiunto dalle forze dell’ordine, l’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Stando alle prime informazioni, i coniugi erano già separati.

Femminicidio a Foggia: il marito è l’unico indagato

L’Immediato, giornale di Foggia, aveva già dato la notizia nella giornata di ieri. Solo di recente però stanno emergendo nuovi dettagli sull’omicidio. La morte è avvenuta a causa dei 5 colpi calibro  3.80 sparati da una pistola a salve. Colpi che hanno raggiunto la donna sulle gambe e sullo sterno. Un delitto che ha visto come spettatori anche due figli della coppia. Uno di 12 e l’altro di 12 anni. Il terzo era invece detenuto in carcere per rapina.

Il marito è l’unico indagato al momento. L’uomo è un disoccupato di 44 anni. Stando a quanto emerso dalle indagini, i due erano separati nonostante vivessero nella stessa casa. Non è chiaro se questo sia il movente che ha spinto il coniuge ad agire.

L’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio. Toccherà quindi alle forze dell’ordine fare luce sulla questione. Ma gli inquirenti sono già più portati verso la pista passionale. A quanto pare l’uomo era parecchio geloso.

La Polizia nel frattempo ha già ricostruito gli ultimi istanti di vita della donna. I coniugi erano andati a mangiare insieme a casa del padre del marito. Verso le 14 l’uomo ha accompagnato a casa la donna. Si sarebbe prima allontanato per poi tornare a casa poco dopo. E, proprio al suo ritorno, una volta che Nunzia ha aperto la porta, il marito ha sparato la raffica di colpi. Il marito è stato poi trovato dalla polizia a casa del padre.

temi di questo post