Cilento, il mare si è ritirato dopo l’eruzione dello Stromboli: gli attimi di paura

1 anno fa
5 Luglio 2019
di redazione herald

Un fenomeno nei primi minuti sottovalutato: poi, quando la gente si è resa conto di ciò che stava accadendo ha iniziato a chiedere spiegazioni, allertando immediatamente la capitaneria di porto. E’ quanto accaduto poche ore dopo l’eruzione dello Stromboli nel Cilento (e nelle Eolie, dove era più prevedibile), dove il mare improvvisamente ha iniziato a ritirarsi, arenando le numerose piccole imbarcazioni che erano presenti nei pressi della spiaggia. Il fenomeno è stato notato soprattutto a Palinuro, dove i presenti si sono molto allarmati prima che, gradualmente, la situazione tornasse ad essere regolare.

Il mare che si ritira, pericolo Tsunami. E’ successo a Sumatra, il 26 dicembre 2004, quando il mare si ritirò prima di sprigionare la sua forza con le onde che travolsero la costa indonesiana, cogliendo alla sprovvista molti turisti e abitanti del luogo che furono vittime dello tsunami. E’ successo anche durante lo tsunami delle Hawai del 1° Aprile del 1946 (giorno anglosassone degli innocenti), dove il mare si ritirò prima di travolgere le coste Hawaiane, ed è successo in molti altri casi.

La situazione nel Cilento. Per fortuna, le ripercussioni del fenomeno che ha colpito il cilento non sono le stesse, ma non c’è dubbio che il ritiro dell’acqua dalle meridionali campane e dalle Eolie, siano dipese dall’attività eruttiva dello Stromboli. Il ritiro del mare, nel nostro caso, non ha raggiunto – per fortuna – l’intensità del livello di uno tsunami, che addirittura rivela il fondo roccioso per diversi chilomentri all’intero del mare, determinando un aspetto irreale alla fascia costiera che spesso incanta i presenti, inconsci dell’enorme rischio che stanno correndo prima dell’arrivo delle onde.