Nuovo focolaio di coronavirus in Sicilia: 11 persone positive a Pedara

2 settimane fa
28 Luglio 2020
di redazione

Nuovo focolaio di coronavirus a Pedara, in Sicilia. Un nuovo piccolo focolaio di coronavirus è emerso in Sicilia, più precisamente a Pedara, in provincia di Catania. Sono 11 le persone risultate positive al virus. Di queste, 3 sono bambini. Il sindaco sottolinea che la situazione è sotto controllo. E, per precauzione, sono stati chiusi i centri estivi della zona.

Nuovo focolaio di coronavirus a Pedara, in Sicilia: il cluster non è nato dalla comunità evangelica locale

Il nuovo focolaio emerso in Sicilia è stato localizzato a Pedara, in provincia di Catania. Al momento sono almeno 11 le persone risultate positive. Tra questi ci sono 3 minori. Due di questi sono stati ricoverati insieme ai genitori. Anche questi ultimi sono infetti e, al momento, si trovano al San Marco di Librino. Fortunatamente, le condizioni della famiglia non sono gravi. I contagi sembrano collegati tra loro e sono circoscritti a tre nuclei familiari.

Nonostante ciò, l’Asp è a lavoro per tracciare l’intera catena di trasmissione. In modo tale da effettuare eventuali tamponi a coloro che si trovavano nelle vicinanze del focolaio. Inoltre, per precauzione, sono anche stati chiusi i centri estivi frequentati da bambini presenti nella zona. Lo scopo è quello di isolare i casi ed evitare la propagazione del virus. Al momento 7 pazienti sono in isolamento domiciliare e 4 sono ricoverati.

Anche il sindaco di Pedara, Antonio Fallica è intervenuto sulla questione. Il primo cittadino ha voluto sottolineare che, diversamente da come suggerito dalle prime indiscrezioni, il focolaio non è nato dalla comunità evangelica locale. Il sindaco ha ammesso che alcune persone che professano questa religione sono effettivamente risultati positivi al virus. Ma che hanno contratto il Covid-19 da persone provenienti da altri paesi. Ha infine precisato che non c’è nessun focolaio che li riguarda.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube e su Google News.

temi di questo post