Coronavirus, in aumento terapie intensive e ricoverati: gli ultimi dati

2 settimane fa
30 Luglio 2020
di salvatore di rienzo

Coronavirus, in aumento terapie intensive. Il numero dei pazienti di coronavirus in terapia intensiva risale. Nelle ultime 24 ore sono aumentati da 38 a 47. In aumento, secondo i dati della Protezione Civile, anche i ricoverati con sintomi, che sono più 31 rispetto a ieri (748 in tutta Italia). Le persone in isolamento domiciliare sono 11.435 (-412).

Per quanto riguarda gli attualmente positivi, in Italia al momento sono 12.230. I dimessi e i guariti sono 199.796. Sono invece positivi i dati che riguardano le vittime, oggi solo 3, il livello più basso dall’inizio dell’emergenza. I morti ufficiali per coronavirus in Italia, secondo i dati del ministero della salute, sono adesso 35.132, mentre i casi totali 247.158.

Nuovi casi soprattutto al nord

I nuovi casi si registrano soprattutto nelle regioni del nord. In Veneto sono aumentati di 112 unità, in Lombardia 88, mentre 39 casi si registrano in Sicilia. Sono 35, invece, i nuovi casi in Emilia Romagna. Le regioni senza nuovi contagiati sono 5: Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata.

Per quanto riguarda la Campania, sono 16 i nuovi positivi secondo il bollettino diramato dalla Regione. Nel Lazio i casi sono stati 18, di cui 6 di importazioni. Sempre nel Lazio c’è stata anche una vittima. In Piemonte i casi totali sono 10, con 25 guariti e nessuna vittima.

Coronavirus, in aumento terapie intensive: attenzione ai giovani

“Sebbene in più anziani siano a maggior rischio di gravi conseguenze a causa del Covid-19, anche i più giovani rischiano. Una delle sfide che abbiamo difronte è convincere i giovani di questo rischio”. A dirlo è il direttore dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, durante il breafing da Ginevra sul coronavirus.

“Prove suggeriscono che i picchi di Covid-19 in alcuni Paesi siano stati provocati in parte da giovani, che durante l’estate nell’emisfero nell’emisfero settentrionale.”

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube e su Google News.

temi di questo post