L’ordinanza n. 64 di De Luca: carta d’identità al ristorante, controlli per chi viene dall’estero

1 settimana fa
1 Agosto 2020
di redazione herald

Ordinanza 64 di De Luca, ecco cosa prevede. Come aveva annunciato, il Presidente Vincenzo De Luca ha varato l’ordinanza n. 64 al fine di contenere il contagio da coronavirus in Regione Campania. Il timore di De Luca è quello che durante il mese di agosto i contagi aumentino in maniera incontrollata. Questo potrebbe rendere difficile la situazione già da settembre.

Tra i problemi più evidenti che preoccupano il governatore c’è quello dei cosiddetti casi di ritorno. Si tratta di cittadini, italiani o stranieri, che stanno importando nuovi casi della malattia dai Paesi ancora in emergenza, vedi il caso di coronavirus a Cimitile.

Ordinanza 64 di De Luca: ecco cosa prevede

“Con l’ordinanza n.64 – si legge nel comunicato della Regione -, firmata dal Presidente Vincenzo De Luca e pubblicata oggi, si confermano, fino al 9 agosto 2020”, “le disposizioni dell’Ordinanza precedente”, la numero 63.

Il provvedimento fa riferimento “all’ uso delle mascherine di protezione e per quanto riguarda le sanzioni previste in caso di inosservanza (pena pecuniaria di euro 1.000).” Tutto ciò, “salvo ulteriore proroga o modifica in conseguenza dell’andamento della situazione epidemiologica.”

Carta d’identità nei locali, controlli per chi arriva dall’estero

“L’ordinanza conferma, altresì, fino alla stessa data, tutte le misure dei Protocolli di sicurezza approvati con precedenti ordinanze per le singole attività economiche e sociali”. Si specifica inoltre “l’obbligo, per i ristoratori e i gestori di discoteche e locali consimili, di individuare almeno un soggetto per tavolo o per gruppo attraverso idoneo documento di identità“.

Tutto ciò, scrive la Regione, “al fine della maggiore tempestività della ricostruzione di eventuali ‘contatti stretti’ di eventuali nuovi soggetti positivi. Con i protocolli già in atto, restano aperte le discoteche sia pure con norme di sicurezza e penalità rafforzate.”

La stessa ordinanza dispone anche “che le Asl competenti dovranno effettuare i controlli sanitari (rilevazione della temperatura, tamponi e/o test sierologici) dei soggetti provenienti da Paesi esteri a maggior rischio“.

Tali controlli, ha previsto De Luca, verranno effettuati “direttamente nei principali luoghi di arrivo (aeroporto, stazione centrale, terminal dei vettori del trasporto su gomma, anche privati)”. Tutto ciò “al fine di impedire il transito incontrollato di eventuali soggetti positivi sul territorio.” Scarica l’ordinanza n. 64.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube e su Google News.

temi di questo post