Serie A nell’anno solare e 5 cambi, la proposta di Ranieri e Galliani

11 mesi fa
13 Aprile 2020
di redazione herald

Serie A, la proposta di Ranieri e Galliani. Il coronavirus ha bloccato buona parte dei campionati sportivi del mondo. Dopo il rinvio degli europei di calcio al 2021, resta il problema di quando ricominciare per la nostra serie A di calcio. I migliori auspici stanno via via svanendo. Anche la ripresa a maggio sembra ormai un miraggio. Le formazioni avrebbero bisogno di riprendere gli allenamenti e questo non è ancora possibile, così come non è possibile prevedere quando l’epidemia lascerà il nostro Paese.

Serie A nell’anno solare, la proposta di Ranieri e Galliani

Il tecnico della Sampdoria Claudio Ranieri, veterano del calcio made in Italy, ha avallato una recente proposta di Adriano Galliani. L’idea è giocare la serie A nelle prossime due stagioni nell’anno solare, con la possibilità di fare 5 sostituzioni per non stressare il fisico dei calciatori.

Con il Mondiale che si giocherà in inverno – spiega Ranieri – giocando nell’anno solare come proposto da Galliani avremmo più mesi per riprendere e sperare che nel frattempo questo virus si sia indebolito o che ci siano nuove cure“. Sono queste le parole di Claudio Ranieri questa mattina a Radio 1. Poi ha proseguito:  “Quando parla Galliani lo fa sempre da grande dirigente, non mi sembra sbagliata come idea“.

Coronavirus, quando riprende la Serie A? Ranieri, 5 cambi per tutelare la salute dei calciatori

Secondo Ranieri, in ogni caso, il tema della salute con una ripresa nei mesi estivi non è da sottovalutare. “Qualora riprendessimo, propongo cinque cambi a partita. Perché porteremmo a uno stress massimo tutti i giocatori, soprattutto quelli colpiti dal virus. Ho letto che in Inghilterra si vuole fare così e mi sembra un’idea molto giusta“.

Il problema del taglio degli stipendi

Come sempre, anche sul delicato tema del taglio degli stipendi, il tecnico della Sampdoria ha detto la sua senza mezzi termini. “L’Aic e l’Aiac credo non dovrebbero stare da fuori ma avere il diritto di lottare per tutta la categoria. I miei giocatori si sono presi il virus lavorando, ora si stanno allenando. Per chi si fa male sul lavoro cosa succede?“.
Leggi anche: Nove consigli dell’esperta per non ingrassare durante la quarantena.

Temi di questo post