Salvini a Mondragone, assembramenti e poche mascherine: il video

5 mesi fa
3 Luglio 2020
di redazione herald
Salvini a Mondragone, assembramenti e poche mascherine: il video

Salvini a Mondragone, tra assembramenti e poche mascherine, il video. “A me hanno che devo allontanarmi, ma lì c’è un grande assembramento. A loro nessuno dice di fare spazio. Solo a noi perché siamo contro Salvini oggi”. Sono le parole che si ascoltano nel video di Pasquale Timpanelli, un manifestante che questa mattina avrebbe voluto esprimere il proprio dissenso nei confronti del leader della Lega Matteo Salvini durante la sua visita a Mondragone.

Salvini a Mondragone, assembramenti e poche mascherine

“Il Presidente De Luca ha dichiarato che almeno fino al 7 di luglio c’è l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto e di mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro. Possiamo vedere dove c’è quel bell’assembramento” che ci sono “tre o quattro mascherine al massimo”. A dirlo nel video è Emanuele Nani, infermiere che sempre pacificamente avrebbe voluto esprimere il proprio disappunto nei confronti di Salvini.

I due giovani, protagonisti del video, hanno partecipato anche alla manifestazione del 29 giugno, oggetto di forti polemiche nei giorni scorsi. I due, come molti altri giovani presenti alla prima manifestazione, hanno manifestato il proprio dissenso in maniera civile e democratica.

“Il chiudere le strade e le attività senza preavviso, completamente antidemocratico”, ha spiegato a Herald Italia Pasquale Timpanelli, imprenditore del settore immobiliare, riguardo la visita blindata di stamani a Mondragone. “Assembramenti contro ogni tipo di senso civico. La non possibilità di poterci parlare, circondandosi solo dei suoi.”

Accadde lo stesso e anche peggio il 29 aprile

Dalla Lega, nondimeno, ci tengono a precisare che le persone presenti questa mattina in Piazza M.L. Conte a Mondragone sono state tutte accreditate dal direttivo provinciale. Ciò non ha comunque impedito gli assembramenti che i due giovani denunciano nel video. Gli stessi assembramenti che, per dovere di cronaca, ci furono durante la prima manifestazione de 29 luglio.

Ci si dovrebbe chiedere, dunque, per quale motivo in Italia è possibile tenere comizi e visite pubbliche da parte dei leader politici e i tribunali e le università, tanto per fare degli esempi, sono ancora paralizzati. Una gestione più uniforme delle situazioni che portano folla e assembramenti potrebbe senza dubbio essere recepita come più giusta da parte dei cittadini. La diretta della nuova visita di Matteo Salvini a Mondragone.

temi di questo post