Pisa, calci e pugni alla moglie davanti alla figlia, poi scappa: denunciato

6 mesi fa
20 Luglio 2020
di redazione

Pisa, calci e pugni alla moglie poi scappa. A Pisa un 40enne ha picchiato la moglie davanti la figlia, per poi darsi alla fuga. La donna è stata medicata e guarirà in 30 giorni. L’uomo è stato denunciato ed è al momento ricercato dalle forze dell’ordine.

Pisa, calci e pugni alla moglie, poi scappa: non era la prima volta

L’uomo ha assalito la moglie con una scarica di calci e pugni. Il 40enne non si è nemmeno curato della presenza della figlia minorenne, che ha assistito al maltrattamento. Stando alle prime informazioni, non era la prima volta che il marito usava comportamenti violenti. Questa volta però il 40enne è fuggito dopo la violenta aggressione. I militari di Pisa sono intervenuti intorno alle 3:30 del mattino.

Hanno subito chiamato i soccorsi per medicare la vittima in ospedale. La donna ha riportato un trauma cranico, una costola lussata e lesioni al naso. I medici l’hanno giudicata guaribile in 30 giorni. La moglie è poi tornata a casa, rifiutando di essere collocata con la figlia in una struttura protetta. Nonostante il 40enne avesse già alzato le mani sulla moglie, la figlia non ha mai subito violenze, fortunatamente.

Gelosia alla base della violenza

Stando alle ricostruzioni dei carabinieri, una lite nata per gelosia sarebbe all’origine della violenza. La coppia era tornata a casa dopo la fine di una tranquilla cena con altre persone. Una volta raggiunta l’abitazione, sarebbe scattata la violenza.

Infine, pare che l’uomo fosse ubriaco. Se il 40enne dovesse fare ritorno a casa, alla donna basterebbe chiamare i carabinieri per essere messa in sicurezza. L’auspicio è che non si creino situazioni di ulteriore violenza che vadano ad aggravare una già difficilissima situazione familiare.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube.

Temi di questo post