Piacenza, tuffo nel fiume Trebbia: muore un uomo di 49 anni

6 mesi fa
20 Luglio 2020
di redazione

Piacenza, tuffo nel fiume Trebbia, muore uomo di 49 anni. Un uomo di 49 anni ha perso la vita dopo essersi tuffato nel fiume Trebbia, affluente di destra del Po che bagna il territorio piacentino. L’annegamento è avvenuto ieri, 19 luglio, nella tarda mattinata. La vittima è stata identificata come Fabio Persico.

Muore uomo nel fiume Trebbia: i Carabinieri indagano sul caso

Il 49enne di Grumello Cremonese ha perso la vita dopo essersi gettato in acqua. Nella tarda mattinata di domenica, Fabio si era tuffato nel fiume Trebbia senza però riuscire ad emergere. L’uomo è morto per annegamento poco dopo. Fabio Persico, questo il nome della vittima, era insieme ad amici e parenti.

Erano circa le 12:00 di mattina quando il 49enne si è fatto un tuffo nel fiume Trebbia. Non vedendolo più riemergere, i familiari e gli amici hanno subito lanciato l’allarme. Nonostante ciò, a nulla sono serviti i soccorsi. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco che i soccorsi medici con un’ambulanza.

Sia i presenti che i soccorritori hanno provato a rianimare Fabio, che non ha mai riaperto gli occhi. Il 49enne lascia una moglie, una figlia di 20 anni, una sorella, un fratello e la madre. Anche gli amici ed i conoscenti sono rimasti colpiti dalla vicenda. Una tragedia su cui ora dovranno fare luce i Carabinieri di Bobbio.

Secondo le testimonianze, Fabio era un abile nuotatore. Per questo momento per ora l’ipotesi più accreditata è quella di un malore improvviso avvenuto durante la nuotata. Ma anche questo è uno scenario ancora da confermare. Il fiume Trebbia, nei mesi estivi, viene spesso affollato da persone in cerca di refrigerio, che evitano di recarsi presso le spiagge lontane molti chilometri.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube.

Temi di questo post