Parla Paolo Ascierto: per il vaccino tempi lunghi, ma Tocilizumab funziona

9 mesi fa
24 Aprile 2020
di redazione herald

Coronavirus, Paolo Ascierto interviene sul vaccino, il Tocilizumab e molto altro. “Sono preoccupato. Non è finita. C’è troppa gente in strada, si sta abbassando la guardia.” A dirlo è il Dottor Paolo Ascierto, coordinatore del gruppo di ricerca per l’emergenza coronavirus che mette insieme Regione Campania, l’Azienda dei Colli, il Cnr e l’Istituto dei tumori di Napoli. Il medico napoletano è intervenuto in diretta telefonica alla trasmissione radiofonica “La Radiazza”, condotta da Gianni Simioli.

“C’è troppa gente in strada – ha detto Paolo Ascierto – e nel tragitto dall’ ospedale a casa noto che c’è sempre troppo traffico. I buoni risultati degli ultimi giorni sul calo dei contagi e il ritorno alle belle giornate ha spinto la gente ad uscire ma è un grandissimo errore. Non è finita, l’emergenza continua, potremmo cominciare a tirare un sospiro di sollievo quando il valore registrato di zero contagi sarà ripetuto per 6-7 volte consecutive.”

Coronavirus, Paolo Ascierto si pronuncia sul vaccino

“II vaccino richiede tempi tecnici abbastanza lunghi, credo che lo avremo l’anno prossimo”. Ma poi spiega: “nel frattempo possiamo ricorrere a farmaci come Tocilizumab“. Questi farmaci, secondo Ascierto, “riescono a contenere in maniera importante gli effetti deleteri della malattia”, nell’attesa “che venga prodotto un buon anti-virale.”

In Campania stiamo facendo ottime cose, il nostro lavoro viene apprezzato all’estero

“I numeri dicono che la sanità campana sta facendo ottime cose in questa emergenza” ha spiegato.  “Per questo il nostro lavoro viene molto apprezzato, soprattutto all’estero ed indicato come modello da seguire.”

Coronavirus, L’emergenza non è finita

“Come racconta il prof. Ascierto l’emergenza non è finita, i contagi a Napoli sono in calo ma in altre zone invece la situazione è ben diversa. Serve ancora la massima attenzione e responsabilità, per questo chiediamo a tutta la cittadinanza di restare in casa”. Ha detto il consigliere regionale Francesco Saverio Borrelli, anch’egli intervistato da Simioli. 

“Occorre non trasgredire i protocolli di sicurezza”, è questo il monito di Borrelli. “Altrimenti – spiega il consigliere – si rischia fortemente di vanificare tutto il lavoro e gli sforzi compiuti fino a questo momento”. “Sarebbe inoltre un’enorme mancanza di rispetto nei confronti di combatte e di chi ha sofferto e soffre a causa di questo virus.”

“In queste ore ci arrivano tante segnalazioni di gente che esce di casa come se l’emergenza fosse finita. I trasgressori dovranno essere puniti in modo severo, si deve tutelare la salute pubblica.” –ha affermato Il Consigliere Borrelli, membro della commissione sanità, assieme a Simioli.
Leggi anche: Il primato della Sanità, cosa si nasconde dietro l’attacco a Paolo Ascierto.
Ascolta tutta l’intervista di Ascierto su You Tube.