Nuovo Dpcm 14 luglio: no a discoteche, mascherina fino al 31/7, le news

8 mesi fa
12 Luglio 2020
di redazione herald

Il nuovo Dpcm 14 luglio: no discoteche, si a mascherina in pubblico. Il ministero della Salute dovrebbe varare nei prossimi giorni, probabilmente già martedì 14 luglio, un nuovo Dpcm. La misura andrà a prorogare diverse disposizioni previste per la Fase 3 dell’emergenza coronavirus.

Il nuovo Dpcm dovrebbe prevedere la proroga del divieto di apertura di discoteche, fiere e congressi. No anche agli assembramenti in pubblico. Resta obbligatorio indossare la mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico.

Nuovo Dpcm, norme prorogate fino al 31 luglio

A rivelare il contenuto del provvedimento è l’Ansa, citando fonti del ministero della Salute. Il ministro Roberto Speranza, dunque, sarebbe al lavoro per favorire l’ok alle nuove misure già da martedì prossimo, giorno in cui scadranno i provvedimenti varati lo scorso 11 giugno.

L’insieme di queste misure dovrebbe perdurare almeno fino al 31 luglio. Poi si valuterà. In seno al governo continua anche la discussione relativa alla proroga dello Stato d’emergenza, che secondo molti dovrebbe arrivare fino al 31 dicembre 2020.

Il nuovo Dpcm dovrebbe confermare anche le ordinanze adottate dal ministero circa il divieto d’ingresso per chi ha soggiornato negli ultimi 14 giorni in 13 Paesi al di sotto del coefficiente minimo di sicurezza. Non è ancora chiaro se la prima lista dovrebbe subire delle modifiche, oppure se questa verrà confermata in toto.

I rapporti con l’estero, gli spettacoli e le attività pubbliche

Secondo le fonti del ministero della Salute, il nuovo Dpcm dovrebbe contenere anche la possibilità di rimpatrio immediato per alcuni casi a rischio. In generale, le norme del provvedimento dovrebbero prorogare al 31 luglio tutto il contenuto del Dpcm dell’11 giugno.

Restano vietati, quindi, gran parte degli eventi che implicano assembramenti in spazi chiusi. Anche nelle chiese verranno confermate le attuali disposizioni anti-covid. Cinema, teatri e auditorium continueranno ad avere posti prenotati e distanziati, con la distanza di almeno un metro e con un massimo di mille spettatori  per spettacoli all’aperto e 200 in quelli chiusi.

Anche per quanto riguarda le attività commerciali restano le medesime norme del Dpcm 11 giugno. Resta in vigore, come detto, l’obbligo della mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico. Lo stesso avviene nei mezzi pubblici e ovunque non si riesca a mantenere la distanza di sicurezza.

L’attività di bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie resta la stessa già prevista dal Dpcm 11 giugno. Per queste ultime attività, nondimeno, occorre far riferimento – eventualmente – anche alle norme specifiche emanate dalle regioni di competenza. Leggi anche: Proroga Stato Emergenza Covid, le novità.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube