Metropolitana di Napoli, partono scavi tunnel Capodichino-Poggioreale

5 mesi fa
2 Luglio 2020
di redazione herald

Napoli, partono scavi metropolitana tunnel Capodichino-Poggioreale. Sono partite a Napoli le attività preliminari per la realizzazione del tunnel tra Capodichino e Poggioreale. Il traforo servirà al prolungamento della Linea 1 della Metropolitana di Napoli.

Gli scavi prevedono anche il posizionamento, a circa 40 metri, di una “talpa” TBM-Tunnel Boring Machine che darà il via alla realizzazione della galleria. Ad annunciare l’inizio dei lavoro è il sindaco Luigi De Magistris, insieme all’Assessore alle Politiche urbane Carmine Piscopo.

Metropolitana di Napoli, ecco il tunnel Capodichino-Poggioreale

De Magistris e Piscopo hanno effettuato un sopralluogo in giornata alla stazione di Capodichino. Una macchina dal diametro di 7 metri, a partire da luglio, comincerà gli scavi per la prima galleria verso Poggioreale. Lo scavo avanzerà di circa 10 metri al giorno, per una lunghezza di circa 1000 metri, scavando senza interruzione – come spiega l’Ansa – 24 ore su 24.

Le operazioni di scavo prevedono l’impiego di 19 operai per turno, con 3 turni al giorno. In totale, compresi gli uomini impiegati nel piazzale, lavoreranno 80 persone. Appena terminato il primo scavo, la talpa sarà ricollocata all’inizio del tracciato per la seconda galleria.

Secondo il cronoprogramma diffuso dal comune, lo scavo della prima galleria durerà circa 4 mesi. L’opera verrà completata, secondo la giunta, in circa 18 mesi. I lavoro sono stati affidati al Consorzio Integra, selezionato dalla società Metropolitana di Napoli. La procedura di gara europea ha avuto un importo di circa 35 milioni di euro.

Con l’esecuzione di queste gallerie, spiega l’amministrazione comunale, “sale al 90 per cento la percentuale delle opere realizzate dal Comune rispetto all’intero anello metropolitano.
Anche questo tratto di opera, che in origine doveva essere realizzato dalla Regione Campania, sarà infatti realizzato dal Comune di Napoli attraverso la società Metropolitana di Napoli Spa e consentirà la chiusura dell’anello metropolitano”.