Mantova, baby gang terrorizzava la città con rapine e violenze: presi

7 mesi fa
26 Luglio 2020
di redazione herald

Baby Gang di Mantova catturata dai Carabinieri. Una vera e propria baby gang violenta e criminale stava terrorizzando la città di Mantova da diverso tempo. I Carabinieri, dopo un accurato lavoro di indagine, li hanno catturati. La gang era solita utilizzare violenza, fare rapine e furti, nella zona intorno a piazza Virgiliana, nel pieno centro cittadino.

I piccoli criminali sono tutti giovanissimi e minorenni, di età compresa tra i 15 e i 17 anni. Tutti e tre sono di origine magrebina e residenti in città. Su di loro pende ora una denuncia alla Procura della Repubblica per rapina, furto aggravato, percosse e lesioni.

Baby Gang di Mantova: individuati altri giovani extracomunitari

Altri quattro ragazzi, invece, sempre extracomunitari e minorenni, sono già stati individuati dai Carabinieri del luogo e nei prossimi giorni verranno denunciati. Gli ultimi episodi di cui la gang è stata protagonista risalgono allo scorso 18 luglio. In quel giorno, in piazza Virgiliana, hanno aggredito altri cinque ragazzi rubando loro le biciclette e picchiandoli.

La violenza è stata tale da provocare ferite che sono state curate al pronto dell’Ospedale Poma. Le vittime hanno riportato lesioni giudicate guaribili rispettivamente 15 e 2 giorni. Per l’individuazione della terribile gang sono state fondamentali i filmati presenti nelle strade di Mantova, ma anche le diverse segnalazioni da parte di abitanti che non ne potevano più.

I cittadini chiedono più controlli e maggiore prevenzione rispetto ad eventi di questo tipo. La buona notizia è che i giovani teppisti sono stati assicurati alle forze dell’ordine e, almeno per qualche tempo, non potranno più agire indisturbati. L’auspicio è che abbiano imparato la lezione.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Segui la nostra redazione giovane e indipendente con un like alla nostra pagina Facebook Herald Italia. Cerchiamo di assicurare sempre un’informazione responsabile e di qualità. Puoi seguire anche il canale Herald Italia su You Tube.

Temi di questo post