Gatto nero con Lyssavirus morde la padrona: il ministero avvia indagini

2 settimane fa
28 Giugno 2020
di redazione herald

Gatto con Lyssavirus morde la padrona ad Arezzo. Un gatto nero deceduto ad Arezzo ha morso la padrona poco prima di morire. L’animale è successivamente risultato positivo al Lyssavirus, un virus molto raro diverso dalla rabbia e riscontrato – come scrive l’Ansa – solo una volta al mondo con i pipistrelli.

 

Lyssavirus: gatto morde padrona ad Arezzo, indagine del ministero

A seguito dell’episodio, il Ministero della Salute ha deciso di avviare un’indagine. A renderlo noto è la Regione Toscana. Il virus è stato isolato su un campione del gatto da parte del Centro di referenza nazionale per la rabbia dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie.

Secondo il centro, prima di questo caso il Lyssavirus era stato trovato una sola volta in tutto il mondo, in un pipistrello nella zona del del Caucaso nel 2002. Da allora non è stata confermata mai neanche la capacità di infettare animali domestici o l’uomo.

Per il momento, secondo il Ministero della Salute, non ci sono evidenze che possano far immaginare la possibilità di contagio da animale a uomo. In ogni caso, a titolo precauzionale, le persone che sono state a contatto col gatto, sono state sottoposte a profilassi. Si attende ora l’esito degli studi condotti da parte del Ministero.

 

temi di questo post