Da Fidel Castro a Churchill, da Marlon Brando a Sean Connery: storia del rolex tra cinema e potere

2 anni fa
13 Gennaio 2019
di redazione herald
Da Fidel Castro a Churchill, da Marlon Brando a Sean Connery: storia del rolex tra cinema e potere

La storia del Rolex. Tra i tanti orologi di lusso un’autentica icona di stile è rappresentata dal Rolex, con una notorietà diffusa in tutto il mondo. L’azienda svizzera, fondata a Ginevra nel 1905 dall’orologiaio tedesco Hans Wilsdorf, conta ambasciatori del calibro di Roger Federer, James Cameron, Michael Bublé, Jackie Stewart, Tiger Woods e Paul Cayard.

Il Rolex e il cinema: Sean Connery e James Bond

A prescindere dai testimonial aziendali, ciò che ha elevato l’azienda Rolex a icona di stile internazionale è il suo legame con il mondo del cinema. Un legame quasi sempre del tutto spontaneo e privo di legami di sponsorizzazione.

La prima figura appartenente al mondo del cinema legata in maniera indissolubile alla casa svizzera è quella di James Bond, interpretato dall’affascinante Sean Connery, che già nel primo film Licenza di uccidere del 1962 indossa un visibile rolex submariner.  Lo stesso avviene nel film Goldfinger del 1964, dove il carismatico Sean Connery ribadisce l’uso del submariner, attestandolo sempre più quale oggetto simbolo di stile e raffinatezza.

Il Rolex di Paul Newman, Marlon Brando e Roger Moore

Sempre nel 1964, Peter Sellers indossa un GMT-Master nel film Uno sparo nel buio, di Blake Edwards, lo stesso orologio indossato da Marlon Brando nel 1970 nel celebre Apocalypse Now, di Francis Ford Coppola. Nel 1969 indossa un rolex nel film Winning un’altra icona dello stile cinematografico mondiale: l’attore statunitense Paul NewmanSi tratta in questo caso del celebre cosmograph daytona, indossato dall’attore anche nelle foto delle locandine pubblicitarie del film.

Nel 1973, nel continuo della saga Agente 007 – Vivi e lascia morire, Roger Moore indossa il mitico Rolex ref. 5513. Un rolex divenuto celebre per il suo “potere” di deviare la traiettoria dei proiettili, particolarità che attesta l’orologio quale simbolo dell’intera saga.

La Storia del Rolex: Dustin Hoffman e il GMT-Master e il submariner di Steve McQueen

Nel 1976 anche Dustin Hoffman indossa un GMT-Master nel film di John Schlesinger il Maratoneta. Nel 1980 è l’attore americano Steve McQueen ad indossare un rolex nel film The Hunter, presumibilmente un submariner.

Sempre Paul Newman, nel 1986, indossa un cosmograph daytona nel film Il Colore dei soldi di Martin Scorsese. Nel 1997, l’attore Bill Paxton (il ricercatore che ritrova il diamante Cuore dell’Oceano) indossa nella celebre pellicola Titanic un rolex submariner. Nello stesso anno Guy Pearce indossa un rolex Bubbleback nel film L.A. Confidential. 

Da citare sicuramente il rolex DateJust indossato in American psycho del 2000 da Christian Bale, cosi come il submariner di Steve Carell ne La Grande Scommessa del 2015.

Fidel Castro e il suo Rolex

Il Rolex di Churchill e Fidel Castro: gli uomini di potere

Molti tra i potenti del mondo hanno lasciato immortalarsi con un rolex al polso. Tra i più importanti vi è sicuramente il 34esimo presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower, che indossava un esemplare di Rolex Oyster d’oro.

Nel 1947, Hans Wilsdorf in persona regalò il 100.000 cronometro DateJust al Primo Ministro britannico Winston Churchill. Si trattava di un omaggio per suo impegno decisivo alla vittoria degli alleati nella seconda guerra mondiale.

Molto singolare è stata l’ostentata passione per i rolex del leader cubano Fidel Castro. Un assoluta controtendenza con l’ideologia comunista, che pare avesse una collezione molto vasta soprattutto di submariner. Il leader cubano, addirittura, amava indossare ben due rolex al polso. Fu immortalato durante il suo incontro con il Presidente dell’Urss Chruš?ëv, proprio dinanzi alla foto di Karl Marx.

La storia del Rolex: Che Guevara e Gianni Agnelli

Lo stesso Fidel Castro si rese autore del celebre regalo di un rolex ad un altro simbolo dell’ideologia comunista: Ernesto Che Guevara, il quale ricevette un GMT-Master in acciaio, ref.1675. Sebbene non sia Stato un capo di Stato o un leader politico, è da citare in questo elenco lo stile iconico dell’Avvocato Gianni Agnelli. L’avvocato contribuì a rendere celebre il suo Rolex Daytona, portandolo rigorosamente – e come segno distintivo – sopra il polsino della camicia. Vuoi acquistare un Rolex usato? L’offerta imperdibile su Amazon.