Attualità

Coronavirus Italia 21 maggio, trend positivo ma ancora più di 9 mila ricoverati

di  Redazione Herald  -  21 Maggio 2020

Coronavirus Italia 21 maggio dati: nessuna nuova ondata contagi dopo il 4 maggio. I dati della protezione civile. Sono 228.006 i pazienti positivi al Covid-19 dall’inizio dell’epidemia. L’incremento dei nuovi contagi, nella giornata di oggi, è di 642 personeI dati di ieri.

Il numero totale di attualmente positivi è di 60.960, con una decrescita di 1.792 assistiti rispetto a ieri. Rispetto a ieri i deceduti sono 156 e portano il totale a 32.486. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 134.560, con un incremento di 2.278 persone rispetto a ieri.

 

Ricoverati e terapie intensive

Tra gli attualmente positivi, 640 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 36 pazienti rispetto a ieri. Sono 9.269 le persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 355 pazienti rispetto a ieri. Sono invece 51.051, pari all’84% degli attualmente positivi,le persone sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi.

Coronavirus, i dati del 21 maggio in Italia, l’incremento dal 7 aprile

Ieri, 20 marzo, il decremento è stato di 2.377 persone. Il 19 marzo il decremento è stato di 1.424 assistiti. Il 18 marzo, il decremento è stato di 1.798 assistiti. Il 17 maggio, il decremento è stato di 1.836. Il 16 maggio, il decremento è stato di 1.883. Il 15 maggio, il decremento è stato di 4.370 assistiti. Il 14 maggio, il decremento è stato di 2.017 pazienti.

Il 13 maggio, il decremento è stato di 2.809 assistiti. Il 12 maggio, la decrescita è stata di 1.222 assistiti. L’ 11 maggio, la decrescita è stata di 836 assistiti. Il 10 maggio, la decrescita è stata di 1.518 assistiti. Il 9 maggio la decrescita è stata 3.119 assistiti. L’ 8 maggio, la decrescita è stata di 1.663 assistiti. Il 7 maggio la decrescita è stata di 1.904 assistiti.

Il 6 maggio, la decrescita è stata di 6.939 assistiti (va considerato l’aggiornamento di dati pregressi in Lombardia).  Il 5 maggio c’è stata una decrescita di 1.513 assistiti. Il 4 maggio c’è stata una decrescita di 199 assistiti. Il 3 maggio il decremento è stato di 525 assistiti. Il 2 maggio c’è stato un decremento di 239 assistiti. Il 1 maggio c’è stato un decremento è stato di 608 assistiti. Il 30 aprile c’è stato un decremento è stato di 3.106. 

Il 29 aprile, il decremento è stato di 548 assistiti. Il 28 aprile c’è stato un decremento di 608 assistiti. Il 27 aprile c’è stato un decremento di 290 assistiti. Il 26 aprile, c’è stato incremento di 256 assistiti. Nello scorso 25 aprile il decremento è stato di decremento di 680 persone. Il 24 aprile, il decremento è stato di 321 persone.

Il 23 aprile, il decremento è stato di 851 persone. Il 22 aprile il decremento è stato di 10 persone. Il 21, aprile scorso abbiamo avuto un decremento di 528 persone. Il 20 aprile il decremento è stato di 20 pazienti. Sempre il 20 aprile, per la prima volta, abbiamo avuto incremento zero, con decremento.

L’incremento dei contagi del 19 aprile, invece, è stato di 486. Il 18 aprile era stato di 809. Il 17 aprile è stato di 355 nuovi contagi. Il 16 aprile di 1.189. Il 15 aprile 1.127. Il 14 aprile 675. Lunedì di Pasquetta, 13 aprile, l’incremento era di 1.363. Domenica 12 aprile l’incremento era stato di 1.984.

Sabato 11 aprile era di 1.996, venerdì 10 aprile 1.396, giovedì 9 aprile 1.615, mercoledì 8 aprile 1195, martedì 7 aprile 880. La mappa aggiornata dei dati nel mondo sul sito della John Hopkins University. Vedi anche:  Come l’estate può battere il coronavirus

 

I dati regione per regione

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 26.715 in Lombardia, 8.710 in Piemonte, 4.926 in Emilia-Romagna, 3.286 in Veneto, 1.877 in Toscana, 2.075 in Liguria, 3.637 nel Lazio, 1.832 nelle Marche, 1.373 in Campania, 1.839 in Puglia, 66 nella Provincia autonoma di Trento, 1.522 in Sicilia, 578 in Friuli Venezia Giulia, 1.272 in Abruzzo, 250 nella Provincia autonoma di Bolzano, 61 in Umbria, 318 in Sardegna, 43 in Valle d’Aosta, 326 in Calabria, 194 in Molise e 60 in Basilicata.